Passa ai contenuti principali

Boomerang che perdi... significato che trovi


Territorio pianeggiante, erba alta quanto basta per nascondere le cose...
Lancio con sicurezza il mio boomerag, guardo dove cade... e solo per un' attimo distolgo l'attenzione girandomi per parlare con una persona, re_direziono il mio sguardo verso il punto dove penso sia caduto ma..., guardando la morfologia del terreno uniforme, ...una strana sensazione mi pervade facendomi temere di aver perso il mio boomerg.
Essendo io stato distratto e consapevole di aver perso il mio oggetto made in australia, procedo verso il mio presunto punto di riferimento con l'obiettivo di trovare l'oggetto lanciato.
Nel bel mentre della ricerca, durata circa un'ora, focalizzo i mie pensieri su tre parole chiavi "obiettivo" , "distrazione" e "punto di riferimento".
Il mio obiettivo personale era il boomerag ed il mio punto di riferimento era il presunto luogo dove era caduto e momentaneamente perso a causa della mia poca attenzione.
Un punto di riferimento metaforicamente è una cosa astratta, presunta e aleatoria.
Obiettivo inteso come obiettivo personale dal latino medievale obiectivum, obiettivo deriva a sua volta da obiectum, “cosa gettata, posta innanzi”... Fonte: Wikipedia.
Distratto: sintomo di poca attenzione, persona che per varie cause viene compromessa l'attenzione dal fare.
Essendo noi umani soggetti a distrazioni della vita terrena... durante la nostra esistenza anche realizzando i nostri obiettivi, saremo mai soddisfatti se non abbiamo bene definito il nostro punto di riferimento?
Il mio punto di riferimento è Dio.
Ah dimenticavo... il boomerag non sono riuscito a trovarlo, ma la persona che ha parlato con me "distraendomi" nel bel mentre focalizzavo il mio punto di riferimento, l'ha trovato di notte con la torcia. Forse è stato un caso... ma il caso non esiste.
Ringrazio pubblicamente Monia, che mi ha "distratto" ma poi ha ritrovato il boomerag.

Commenti

Post popolari in questo blog

Outlook express: errore sconosciuto 0x800C0133

Solita chiamata mattutina, con modi cordiali un cliente manifesta un problema con un'account di posta elettronica, mi dice espressamente che l'utente pippo@pluto.com ha un problema con outlook express con la visualizzazione del seguente errore:
"Errore sconosciuto. Account 'mail.pluto.com' Server 'mail.pluto.com', protocollo: POP3, Porta 110. Protezione (SSL); No, Numero di errore 0x800c0133".
Faccio una giro e su wikipedia nella seconda sezione dell'articolo dedicato ad outlook express c'è scritto, cito testualmente la fonte:
"Outlook Express organizza la posta in cartelle (posta in arrivo, posta inviata, etc), ogni cartella non può superare il limite dei 2GB. È facile per utenti che scambiano per lavoro messaggi con allegati raggiungere in tempi abbastanza brevi questo limite...."
Fonte: WikiPedia

Soluzione temporanea: in outlook express creare una nuova cartella, spostare tutto il contenuto di "posta in arrivo" nella nuova c…

Android: segno di sblocco

Oggi ho avuto uno duro scontro con un samsung galaxy s plus bloccato, nel senso che il possessore aveva dimenticato la combinazione numerica di sblocco (non della sim) ma del telefono.
Con molta calma e pazienza inizio a "surfare" in google alla ricerca di una soluzione veloce, cercando mi vengono proposti risultati/pagine dove sono presenti procedure per fare l'hard reset del telefono, ma seguendole alcune mi trovo ad una schermata dello smartphone dove trovo scritto:
"Ramdump mode/cause:force upload".   Una volta visualizzato visualizzata la scritta "Ramdump mode/cause:force upload" nel telefono,  non posso fare nulla e sopratutto per spegnerlo devo togliere via le pile dal telefono.
Allora affino la ricerca con l'errore di cui sopra "RUMDUMP ecc..." solo dopo poche decine di risultati riesco a trovare la procedura giusta, ovvio che sono consapevole che una volta intrapresa la strada del hard reset il telefono sarà come nuovo, quindi…

Il Faro

Fin da piccolo sono stato affascinato dalla maestosa e silente natura del “signore delle tempeste”. 

Ho dei bellissimi ricordi perchè ero un nipote fortunato, molto fortunato perchè avevo mio Nonno, Leo Serluca, che ha sacrificato, con amore ed onore, la propria esistenza per controllare che “ l’occhio” restasse sempre acceso a illuminare chi era in balia della tempesta.
Il faro è un simbolo pieno di significati, al faro non importa se infuria il vento. Così alto, sicuro, possente, sfida le forze della natura nel buio della notte e brilla in tutte le direzioni  per segnalare un porto sicuro.

Metaforicamente come l’elemento dell’acqua rappresenta le emozioni, il faro è il simbolo della forza spirituale che ci soccorre quando siamo in preda al delirio degli abissi. Forza pura, vera, incalzante. Quella che ti fa rialzare quando sei allo stremo. Che ti ricorda chi sei e il tuo scopo nella vita.

Tuttavia, quando sorge il Sole, il faro sa che è  tempo di spegnersi. E così, quieta…