Passa ai contenuti principali

Pesca: una giornata da ricordare...


Come detto in un mio precedente post, uno dei miei hobbies è la pesca trota torrente, ogni anno, di solito, partecipo alla giornata cosidetta di apertura che coincide con l'ultima domenica del mese di febbraio, ma questa volta ho saltato il "rito" e sono andato la domenica successiva.
Domenica 02 Marzo 2008, sveglia alle 04,00, ritrovo sotto casa di mio cognato Demiss alle 04,30. Team: io, Demiss e Daniele, direzione fiume Potenza. Arrivati sul posto alle ore 06,00 iniziamo la nostra "battuta" di pesca.
Gioranta soleggiata con folate di vento forte, pesca al tocco (con piombo ed amo).
Arrivati sul posto, palmo palmo risaliamo il fiume alla ricerca della nostra preda, ma nulla...
Fiume con poca acqua e limpidissima, appena ci affacciavamo per accingerci a lanciare il piombo in acqua... sotto si vedevano piccole trote che scappavano come lepri... :-(
Arrivati in un punto dove il fiume accennava una curva, ho buttato l'esca in corrente e con stupore sento tirare in modo anomalo, senza strattoni, la traiettoria del filo si spostava in modo singolare, ...penso...: avrò impigliato sotto al fondo?
Pensiero subito dissolto perchè dal fondo trasparente del fiume intravedo una bella sagoma di pesce...
Dopo un piccolo combattimento riesco a tirar fuori, in gergo "spiaggiare" un bellissimo esemplare di trota di circa 34 cm. di lunghezza e 3,78 hg di peso.
Mentre cercavo di togliere l'amo dalla preda mi accorgo che il pesce lo avevo agganciato per la pinna laterale destra, ecco spiegate le traiettorie anomale. Tra me penso...che c..o!
Dopo di questa fortunata cattura e dopo aver spezzato il sottocima della mia canna, arriviamo all'ora di pranzo senza "naturalmente" sentire nessuna "mangiata", come diciamo noi di solito, nemmeno una "tocca".
Smontiamo tutto e prendiamo la solita direzione del camion "panino mobile" nei pressi di Castelraimondo, ve lo consiglio... se passate, prendete un panino con la braciola....Provare per credere.
"Subito" dopo , si fà per dire, abbiamo fatto un piccolo tratto sotto Castelraimondo direzione ovest est sino a quasi sotto la cartiera, niente zero paccato, nemmeno una "tocca".
Un pò sconsolati, ma soprattutto stanchi abbiamo deciso di fare un'ultimo tratto, erano quasi le 14,00, dopo uno scambio di vedute allegre, abbiamo deciso di andare nel tratto chiamato cementificio.
Arrivati sul posto, ci imbattiamo subito in un bellisimo tratto, dove si presume ci sia abbondanza di trote, dopo alcuni vani tentativi, iniziamo a fare il tratto direzione ovest est, io un pò stanco arrivo sino ad un certo punto, poi per sfortuna o fortuna, chissà... rimango impigliato, quindi decido di chiudere la canna, torno indietro verso la macchina per riposarmi ma mentre camminavo nutro una piccola voglia di voler fare una prova... l'artificiale.
L'artificiale è un rotante con paletta argento e puntini neri nello specifico io avevo il maps, consigliato da un ragazzo, Matteo che rigrazio pubblicamente, al negozio "Verde e Azzurro" della mia città.
Ritorno nel primo tratto incotrato in precednza appena scesi dalla macchina, dopo un totale di lanci a vuoto, l'inevitabile, sento strattonare la canna, per farla breve, dopo circa 3 min. di combattimento, riesco a "spiaggiare" una trota lunga quasi 37 cm e che pesava 5,80 ht, bellissimo esemplare.
La prima trota è stata bella ma un pò deludente perchè presa sulla pinna, ma la seconda cattura è stata un'emozione bellissima, solo chi pesca sà cosa voglio dire...
Che dire... una bellissima giornata, per me, un pò meno per Daniele e Demiss, ma comunque una giornata degna di esser ricordata. :-)



Commenti

siro ha detto…
A Castelraimondo serve maggiore vigilanza e controllo sul territorio.Dal febbraio 2002 l'amministrazione comunale tiene,illegittimamente demansionato,estromesso,eliminato dall'ufficio il comandante dei vv.uu;(uno dei quattro dipendenti comunali laureati,di ottima condotta morale e civile,incensurato,senza alcun procedimento penale o giudiziario a carico),sostanzialmente senza fare quasi niente,a spese del contribuente.(Vedere sentenza immediatamente esecutiva,in internet,alla voce DEMANSIONAMENTO CAMERINO)

Post popolari in questo blog

Outlook express: errore sconosciuto 0x800C0133

Solita chiamata mattutina, con modi cordiali un cliente manifesta un problema con un'account di posta elettronica, mi dice espressamente che l'utente pippo@pluto.com ha un problema con outlook express con la visualizzazione del seguente errore:
"Errore sconosciuto. Account 'mail.pluto.com' Server 'mail.pluto.com', protocollo: POP3, Porta 110. Protezione (SSL); No, Numero di errore 0x800c0133".
Faccio una giro e su wikipedia nella seconda sezione dell'articolo dedicato ad outlook express c'è scritto, cito testualmente la fonte:
"Outlook Express organizza la posta in cartelle (posta in arrivo, posta inviata, etc), ogni cartella non può superare il limite dei 2GB. È facile per utenti che scambiano per lavoro messaggi con allegati raggiungere in tempi abbastanza brevi questo limite...."
Fonte: WikiPedia

Soluzione temporanea: in outlook express creare una nuova cartella, spostare tutto il contenuto di "posta in arrivo" nella nuova c…

Android: segno di sblocco

Oggi ho avuto uno duro scontro con un samsung galaxy s plus bloccato, nel senso che il possessore aveva dimenticato la combinazione numerica di sblocco (non della sim) ma del telefono.
Con molta calma e pazienza inizio a "surfare" in google alla ricerca di una soluzione veloce, cercando mi vengono proposti risultati/pagine dove sono presenti procedure per fare l'hard reset del telefono, ma seguendole alcune mi trovo ad una schermata dello smartphone dove trovo scritto:
"Ramdump mode/cause:force upload".   Una volta visualizzato visualizzata la scritta "Ramdump mode/cause:force upload" nel telefono,  non posso fare nulla e sopratutto per spegnerlo devo togliere via le pile dal telefono.
Allora affino la ricerca con l'errore di cui sopra "RUMDUMP ecc..." solo dopo poche decine di risultati riesco a trovare la procedura giusta, ovvio che sono consapevole che una volta intrapresa la strada del hard reset il telefono sarà come nuovo, quindi…

Il Faro

Fin da piccolo sono stato affascinato dalla maestosa e silente natura del “signore delle tempeste”. 

Ho dei bellissimi ricordi perchè ero un nipote fortunato, molto fortunato perchè avevo mio Nonno, Leo Serluca, che ha sacrificato, con amore ed onore, la propria esistenza per controllare che “ l’occhio” restasse sempre acceso a illuminare chi era in balia della tempesta.
Il faro è un simbolo pieno di significati, al faro non importa se infuria il vento. Così alto, sicuro, possente, sfida le forze della natura nel buio della notte e brilla in tutte le direzioni  per segnalare un porto sicuro.

Metaforicamente come l’elemento dell’acqua rappresenta le emozioni, il faro è il simbolo della forza spirituale che ci soccorre quando siamo in preda al delirio degli abissi. Forza pura, vera, incalzante. Quella che ti fa rialzare quando sei allo stremo. Che ti ricorda chi sei e il tuo scopo nella vita.

Tuttavia, quando sorge il Sole, il faro sa che è  tempo di spegnersi. E così, quieta…