Passa ai contenuti principali

Al voto... Al vuoto tutti alle urne...


Eccoci quà, sono tornato a scrivere in questo mio angolo dove esprimo pensieri e opinioni su quello che vediamo e stravevediamo ogni giorno. Cosa abbiamo in comune io e tu che mi leggi...? Molte cose, ad esempio ogni giorno veniamo bombardati entrambi da imput mediatici senza tregua.
Oggi voglio parlare di politica (arte di governare la società).
Ho il timore che non cambierà nulla dopo le prossime elezioni ed ho la senzazione che questi eventi (cadute di governi...) si ripeteranno, si ripeteranno perchè le regole che reggono il gioco della politica sono lontane anni luce dalla società moderna dove quasi tutto è possibile... L'arte di governare la società è rimasta antica, la politica è vecchia e zoppa e quel che è peggio non più saggia.
La nostra società è "dopata", vive d'illusiuoni televisive_radiofoniche_giornalistiche, viviamo tutti d'imput a senso unico dove la base è far uscire dalla corte quello che si decide all'interno dei palazzi di potere e che fà comodo in quel contesto storico, noi subiamo quello che vogliono farci subire in quel momento, in questo non c'è ribellione che tenga perchè tra il sapere e il non sapere si rimane nel mezzo.
Oltre alle proposte del Grillo che sono condivisibili, le riforme dovrebbero riguardare tutto il sistema politico, lo spirito collaborativo deve avere la meglio sugli interessi personali e di partito.
Di politici non ne parlo, loro sono l'effetto collaterale del sistema che invecchia di ora in ora, la cosa che mi preoccupa e che le riforme le dovrebbero fare i politici attuali ed allora voglio confidarmi con voi su quello che penso oggi ad un mese poco più dalle elezioni, la frase giusta è:
« "[...]eliminato l'impossibile,ciò che resta,per improbabile che sia,deve essere la verità[...]". » (Sherlock Homes)
Detto ciò, dove si nasconde l'improbabile...

Vuota Antonio, Vuota.




Commenti

Post popolari in questo blog

Outlook express: errore sconosciuto 0x800C0133

Solita chiamata mattutina, con modi cordiali un cliente manifesta un problema con un'account di posta elettronica, mi dice espressamente che l'utente pippo@pluto.com ha un problema con outlook express con la visualizzazione del seguente errore:
"Errore sconosciuto. Account 'mail.pluto.com' Server 'mail.pluto.com', protocollo: POP3, Porta 110. Protezione (SSL); No, Numero di errore 0x800c0133".
Faccio una giro e su wikipedia nella seconda sezione dell'articolo dedicato ad outlook express c'è scritto, cito testualmente la fonte:
"Outlook Express organizza la posta in cartelle (posta in arrivo, posta inviata, etc), ogni cartella non può superare il limite dei 2GB. È facile per utenti che scambiano per lavoro messaggi con allegati raggiungere in tempi abbastanza brevi questo limite...."
Fonte: WikiPedia

Soluzione temporanea: in outlook express creare una nuova cartella, spostare tutto il contenuto di "posta in arrivo" nella nuova c…

Android: segno di sblocco

Oggi ho avuto uno duro scontro con un samsung galaxy s plus bloccato, nel senso che il possessore aveva dimenticato la combinazione numerica di sblocco (non della sim) ma del telefono.
Con molta calma e pazienza inizio a "surfare" in google alla ricerca di una soluzione veloce, cercando mi vengono proposti risultati/pagine dove sono presenti procedure per fare l'hard reset del telefono, ma seguendole alcune mi trovo ad una schermata dello smartphone dove trovo scritto:
"Ramdump mode/cause:force upload".   Una volta visualizzato visualizzata la scritta "Ramdump mode/cause:force upload" nel telefono,  non posso fare nulla e sopratutto per spegnerlo devo togliere via le pile dal telefono.
Allora affino la ricerca con l'errore di cui sopra "RUMDUMP ecc..." solo dopo poche decine di risultati riesco a trovare la procedura giusta, ovvio che sono consapevole che una volta intrapresa la strada del hard reset il telefono sarà come nuovo, quindi…

Il Faro

Fin da piccolo sono stato affascinato dalla maestosa e silente natura del “signore delle tempeste”. 

Ho dei bellissimi ricordi perchè ero un nipote fortunato, molto fortunato perchè avevo mio Nonno, Leo Serluca, che ha sacrificato, con amore ed onore, la propria esistenza per controllare che “ l’occhio” restasse sempre acceso a illuminare chi era in balia della tempesta.
Il faro è un simbolo pieno di significati, al faro non importa se infuria il vento. Così alto, sicuro, possente, sfida le forze della natura nel buio della notte e brilla in tutte le direzioni  per segnalare un porto sicuro.

Metaforicamente come l’elemento dell’acqua rappresenta le emozioni, il faro è il simbolo della forza spirituale che ci soccorre quando siamo in preda al delirio degli abissi. Forza pura, vera, incalzante. Quella che ti fa rialzare quando sei allo stremo. Che ti ricorda chi sei e il tuo scopo nella vita.

Tuttavia, quando sorge il Sole, il faro sa che è  tempo di spegnersi. E così, quieta…