mercoledì, giugno 27, 2007

Etichetta, droga ed uccide i bambini

Stamattina nel Blog di Beppe Grillo ho letto questa notizia. Sconcertante, drammatico.
Sinceramente non mi meraviglia pensare che le industrie farmaceutiche, per produrre profitto in tutti i casi passino sopra la vita di noi cittadini, ma quello che mi preoccupa e come questo possa avvenire senza che nessuno controlli. NON MI SENTO TUTELATO.
Il post inizia in maniera violenta: "Il vostro bambino è vivace? Non sta seduto a tavola e qualche volta disturba la maestra durante le lezioni? Non dorme?
E’, con tutta probabilità, un bambino iperattivo, malato di ADHD, Attention Deficit Hyperactive Disorder".
Il post prosegue e poi termina in modo piacevole: "Se vostro figlio è vivace è un bene, non un male. Non portatelo dal medico, dallo psicologo. Prendetelo per mano e uscite con lui, con lei, per una passeggiata. Abbracciatelo, abbracciatela, forte, con un bacio. Non deve guarire da nulla, vuole solo la vostra attenzione".
Ecco oggi noi "TUTTI" o quasi, siamo volti al profitto proprio come le case farmaceutiche, guardando agl'utili non prestiamo attenzione ai nostri figli e gli dedichiamo sempre meno tempo con tutte le conseguenze del caso che si potrebbero ripercuotere su di loro.

Nessun commento: